Borghi, 42mila per Angera che sogna la pinacoteca a cielo aperto

Il comune ha ottenuto un importante finanziamento da parte della Regione nell'ambito del progetto che punta alla valorizzazione dell'attrattività turistica dei centri storici più caratteristici

Il murales di Ravo ad Angera

Il progetto della Regione dedicato alla valorizzazione e promozione dei borghi lombardi premia la cittadina di Angera. È notizia di oggi che il Comune sulle rive del Verbano, l’unico della provincia a partecipare al bando, ha ottenuto il via libera a un importante finanziamento, pari a oltre 42mila euro (42.210 per la precisione) da dedicare al potenziamento dell’attrattività turistica locale.

La misura “Viaggio #InLombardia“, approvata dalla giunta regionale su proposta dell’assessore al Turismo Lara Magoni, prevedeva una dotazione finanziaria complessiva di 880.000 euro distinta in due linee di prodotto: i “borghi”, come nel caso angerese, con uno stanziamento complessivo di 400.000 euro destinati a comuni lombardi con un totale di residenti inferiore o pari a 15.000 abitanti e le “aggregazioni” 480.000 euro destinati a partenariati composti da almeno due enti locali lombardi.

Soddisfatto per il risultato, il sindaco di Angera, Alessandro Molgora: “Con questi fondi creeremo nuovi itinerari esperienziali che valorizzino il museo diffuso di Angera, gli itinerari alla scoperta delle eccellenze enogastronomiche e artigiane e le iniziative che mettano in connessione la città con le bellezze del Lago Maggiore. Nel progetto abbiamo inserito la realizzazione di una vera e propria pinacoteca a cielo aperto con affreschi che esaltano la storia di Angera e del territorio nel cuore del centro storico (dove poco più di un anno fa è stata commissionata la riproduzione in stile street art del celebre fanciullo del Caravaggio all’artista Ravo, ndr). Organizzeremo inoltre incontri di formazione per l’accoglienza, la ricezione e le guide turistiche. Investiremo infine in azioni di marketing digitale e nuove tecnologie».

 

di mariacarla.cebrelli@varesenews.it
Pubblicato il 10 maggio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore