Pedone investito, è grave

Brutto trauma cranico per un cinquantatreenne trasportato in codice rosso a Varese

carabinieri notte pattuglia

La pioggia battente e l’oscurità che limita la visibilità, un pedone che sta a bordo strada e un’auto che arriva, non lo vede e lo travolge.

È finito così all’ospedale a Varese in gravi condizioni un uomo di 53 anni travolto da un’auto in via XXV Aprile angolo via Buozzi a Laveno Mombello.

In quel momento – erano circa le 17.30 di sabato – stava sopraggiungendo un ragazzo di 21 anni di Leggiuno a bordo di una Fiat Panda.

Il giovane non ha visto il pedone e l’ha travolto facendogli sbattere il capo violentemente contro un platano. Il conducente si è fermato a prestare soccorso e ha chiamato il 118 arrivato con ambulanza e automedica.

I soccorritori hanno immobilizzato il ferito trasportandolo poi in codice rosso con importante trauma cranico all’ospedale di Circolo di Varese dove l’uomo è ricoverato in rianimazione. Le sue condizioni son gravi.

I carabinieri sul posto hanno rilevato la dinamica dell’incidente operando i rilievi di rito.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 23 Novembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.