“Mia zia, Suor Germana”

Nel giorno dell'ultimo saluto uno dei suoi nipoti, Dario, ci dà l suo ricordo "di famiglia" della suora che ha insegnato la cucina di casa a mezza Italia

Suor Germana a Bosto

Ora Suor Germana sarà per sempre vicina ai suoi fratelli: riposa infatti, dal pomeriggio del 9 marzo, nel cimitero di Caronno Varesino, vicino agli altri fratelli che si sono trasferiti dal paesino del vicentino dove è nata.

Si è spenta suor Germana, la cuoca di Dio

Lei e i suoi 7 fratelli (5 maschi e tre sorelle) sono infatti di Crespadoro, un comune verde nella valle del Chiampo.

Martina, che si chiamerà poi Suor Germana, prende i voti presto, e si sposta pochi anni dopo in Piemonte. «Negli anni ’60 mio papà Sante emigra qui per lavoro e, quando lo trova, man mano lo raggiungono i suoi fratelli – spiega Dario Consolaro, suo nipote, che vive ora a Induno Olona con il papà – La prima casa è stata, per tanti anni una cascina a Bosto, in via Berni, dove si viveva tutti insieme (nella foto, un pranzo di famiglia nella cascina di Bosto).

Poi abbiamo dovuto lasciare quella casa, che avevamo in affitto, e ognuno pian piano ha preso una casa sua. Comunque non si sono allontanati molto: noi a Induno, un fratello a Cantello, altri fratelli a Caronno Varesino, dove risiedeva anche lei da una decina d’anni. Negli ultimi anni, al momento di andare in pensione, anche la zia è venuta qui: prima nella casa di Caronno dove vivevano due altri zii, poi nella casa di riposo a Caidate, poco lontano».

I ricordi di Dario sono di una persona straordinaria: «La zia era una persona dinamica, ti dava una gran carica ogni volta che gli parlavi – Spiega, con la voce che ogni tanto si rompe per l’emozione – Aveva fino all’ultimo voglia di spaccare il mondo e aiutare tutti , fino all’ultimo. Aveva sempre in mente di fare o inventarsi qualcosa, scrivere libri e mille altre cose, almeno finchè il fisico gliel’ha consentito».

Suor Germana, negli ultimi anni, era stata colpita da una malattia degenerativa che negli ultimi tempi si è aggravata sensibilmente fino alle peggiori conseguenze. Ma fino all’ultimo ha reagito: «Ha sempre adorato stare insieme ai giovani: è stata una “giovane dentro fino” fino in fondo. Di lei la caratteristica più importante era l’insieme di pacatezza e decisione. E poi è sempre stata una persona moderna: noi andavamo a trovarla spesso nel Punto Familia di Torino, un centro dove faceva catechesi per i fidanzati e insegnava a cucinare e a relazionarsi, e li insegnava già la parità e l’aiuto reciproco».

Dario ci andava da piccolo: «Avevo si e no dieci anni. Ogni tanto si partiva presto dal varesotto con mio papà e mio zio: la si raggiungeva là, si andava a messa con lei e noi giocavamo in quel centro mentre gli zii la aiutavano in riparazioni e modifiche, quando era necessario».

L’ultimo saluto i suoi più stretti parenti gliel’hanno dato al cimitero di Caronno, dove ora riposerà in pace. Un funerale intimo solo a causa del Coronavirus, perchè sicuramente non sarebbero mancati, in tempi meno incerti, le tante manifestazioni di affetto che chi è cresciuto con i suoi consigli e le sue ricette sta ora decretandole sui social.

Stefania Radman
stefania.radman@varesenews.it

Il web è meraviglioso finchè menti appassionate lo aggiornano di contenuti interessanti, piacevoli, utili. Io, con i miei colleghi di VareseNews, ci provo ogni giorno. Ci sosterrai? 

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 09 Marzo 2020
Leggi i commenti

Video

“Mia zia, Suor Germana” 1 di 1

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.