Lo stipendio non arriva, sciopero ad oltranza dei lavoratori Cavalca

Serrande abbassate di sicuro oggi e domani. L'azienda annuncia la riapertura per lunedì 17 giugno, ma i lavoratori sono determinati a scioperare fino a quando non sarà pagato lo stipendio di maggio

arcisate - vertenza cavalca varie

Lo stipendio di maggio era atteso per il 10 giugno ma nessuno l’ha ancora visto, a parte alcuni che hanno ricevuto degli acconti. Così ieri sera i lavoratori di Cavalca hanno proclamato lo sciopero ad oltranza, d’accordo con la loro rappresentanza sindacale.

Da oggi, e fino a quando non avranno ricevuto la paga di maggio, i 26 dipendenti di Cavalca, marchio oggi di proprietà di Nord Clothing srls, incroceranno le braccia e, presumibilmente, il negozio resterà chiuso.

Serrande abbassate, di sicuro, oggi e domani: «Alcuni lavoratori oggi si sono recati all’esterno del negozio per spiegare la situazione agli eventuali clienti – dice Valentina Calafiore della Filcams Cgil di Varese, che sta seguendo la vertenza – ma la loro intenzione è di non riprendere il lavoro fino a quando non saranno pagati gli stipendi».

L’azienda ha affisso sulle vetrine un cartello dove si annuncia la riapertura per lunedì 17 giugno, e questo potrebbe anche essere un segnale positivo, che sottintende l’intenzione di effettuare il pagamento degli stipendi in queste ore. «In caso contrario – aggiunge la sindacalista – non vedo come possano aprire senza i dipendenti al lavoro».

La vertenza, che vede tutti i dipendenti del punto vendita di Arcisate al centro di una procedura di licenziamento collettivo e angosciati dall’incertezza sulla disponibilità del Tfr accumulato in questi anni, sembra dunque destinata ad inasprirsi.

arcisate - vertenza cavalca varie

di
Pubblicato il 15 giugno 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giorgio Martini Ossola

    L’azienda è in difficoltà e i dipendenti la tengono chiusa….è come scavarsi la fossa da soli,purtroppo il vero problema è l’enorme distanza che si interpone tra dipendenti e datori di lavoro,la mentalità formatasi nei decenni passati fa si che il dipendente veda il titolare come un nemico,dimenticando che il loro stipendio viene pagato con il loro lavoro.

Segnala Errore