Una maturità da record per la Terza F…enomeni

Sei cento e due lodi tra i 22 studenti della classe del liceo Cairoli che ha meravigliato docenti e membri esterni

esame maturità 2019 terza F

Terza F come… fenomeni. È stato veramente un esame da “record” per la classe del liceo Cairoli di Varese che ha concluso l’Esame di Stato con sei 100 e due 100 e lode su ventidue studenti, nessun voto sotto il 71 e un gruppo consistente tra il 93 e il 98.

Un esito che premia l’intero gruppo ma anche i docenti: « È un risultato eclatante raggiunto da un gruppo classe vincente – commenta la docente Maria Vittoria Petrucciani – Ragazzi bravi come tanti, ma che sono riusciti a creare un ottimo mix. Molto uniti, affiatati, nessuno è stato lasciato indietro grazie a un gioco di squadra importante. È stato soprattutto il gruppo dei ragazzi, molto unito, alcuni sin dalla scuola materna, a fare da traino e motore dell’intera classe. Hanno poi avuto dei bravi docenti, prima fra tutti la professoressa Rossella Frapiccini che li ha seguiti in modo puntuale per tutti e cinque gli anni, costruendo un percorso personalizzato per ciascuno. Alla maturità 17 su 22 hanno scelto il tema su Ungaretti: hanno tutti ottenuto punteggi superiori ai 17/20esimi. Testi belli da leggere dove spirito critico e conoscenze erano evidenti. Ma anche all’orale, che dopo la riforma era un po’ uno scoglio da superare, hanno dimostrato di credere profondamente nel loro valore e nell’impegno, preparando con responsabilità e competenza i collegamenti tra le diverse discipline compresi gli argomenti degli anni precedenti. Persino il presidente di commissione è rimasto senza parole, soprattutto quando è stato dato consecutivamente, per dieci volte, il voto massimo per un livello di vera eccellenza. Beh, sono soddisfazioni: per noi è stata una sorpresa, nonostante conoscessimo il loro valore».

L’amicizia è stata il motore di questo gruppo compatto e affiatato: « Sin dal primo anno ma soprattutto dalla terza con i nuovi arrivi – ricorda Arianna, una dei 22 neo diplomati – abbiamo creato un clima di reciproco aiuto che ci ha permesso di affrontare tutti i momenti, soprattutto quelli critici del nostro percorso. Ci siamo sostenuti e insieme abbiamo compreso il valore del nostro impegno. I voti ottenuti sono la ricompensa dell’impegno e della dedizione, dei progressi voluti caparbiamente da ciascuno di noi sia in modo individuale sia di gruppo. Questi cinque anni mi sono serviti a capire chi sono e cosa sono capace di fare: i miei punti deboli ma anche i punti di forza su cui fare affidamento per puntare sempre più in alto».

Forza d’anima, serietà, voglia di migliorarsi ma anche una grande cultura: « Me ne sono resa conto quando ho affrontato il tema alla prima prova d’esame – commenta Silvia –  Ho affrontato la traccia sul patrimonio culturale : in quel momento ho compreso fino in fondo la ricchezza accumulata in questi anni di liceo. L’esperienza del Cairoli è stata una bellissima, una storia di amicizia e impegno che ci ha permesso di diventare ciò che siamo oggi, consapevoli del valore delle nostre parole e delle nostre azioni».

E di eccellenza parla anche il dirigente Salvatore Consolo che ricorda le nuove regole dell’Esame di Stato: « Solo chi ha avuto un percorso brillante nei due anni precedenti può ambire all’eccellenza alla maturità. E questi ragazzi erano preparati. Ma anche in altre sezioni abbiamo avuto prestazioni molto soddisfacenti. Alla fine ci sono stati ben 21 cento e sei 100 e lode.  Un grande risultato che premia i ragazzi ma anche la professionalità dei docenti: il loro risultato è anche il nostro».

Ottimi i voti anche della IIID Esabac che ha avuto 5 cento e una lode. Si registrano, inoltre, 2 lodi in terza A e una in terza C. E, ancora, tre cento in terza A, tre in terza B, 3 in terza C, 5 in D, una in E e 6 nella terza “F…enomeni” . Complimenti a tutti!

di
Pubblicato il 17 luglio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore