Con pecore e capre in comune, la protesta di un pastore finisce con una denuncia

L'uomo, noto per le sue aggressioni ad altri pastori e agricoltori della zona, questa mattina si è presentato in paese col suo piccolo gregge, tentando di entrare al castello

nicolò tandurella pastore pecore  comune fagnano olona

(foto da facebook)

Nicolò Tandurella, il noto pastore pluripregiudicato di Fagnano Olona, torna alla ribalta con il suo piccolo gregge di ovini. Questa mattina (mercoledì) si è presentato al castello visconteo di Fagnano Olona per inscenare una non meglio precisata protesta. Da quanto si apprende avrebbe chiesto un sostegno economico.

Con le sue pecore e le sue capre è entrato nel cortile del castello ma è stato subito respinto all’esterno dall’arrivo di Polizia Locale e Carabinieri. Il pastore, che in passato era finito nelle cronache dei quotidiani locali per aggressioni e furti di bestiame nella campagna fagnanese, si è poi spostato in piazza San Gaudenzio.

In molti hanno fotografato e postato sui social l’incontro imprevisto con il pastore e i suoi animali. Il gesto, però, gli è costato l’ennesima denuncia: questa volta per interruzione di pubblico servizio.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 11 settembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore