Quantcast

Una donazione per far ripartire la biblioteca di Cassano

La struttura ha già riaperto, sia chiaro. Ma grazie all'iniziativa di un consigliere comunale in collaborazione con una casa editrice è anche più ricca di titoli, con 59 nuovi libri

Cassano Magnago generica

La biblioteca comunale Collodi di Cassano Magnago che, come tutte le altre strutture italiane ha subito i disagi delle chiusure legate al Covid, ha finalmente riaperto al pubblico con rinnovate positività e capacità operative, per tornare ad offrire alla popolazione il prestito del patrimonio culturale che contiene.

Sono già molti i cassanesi che hanno ricominciato a chiedere i tanti volumi presenti sugli scaffali per coltivare i propri interessi letterari o didattici ed abbandonarsi a momenti piacevoli e rilassanti durante i caldi mesi estivi e non è utopistico pensare che, nonostante l’emergenza legata alla pandemia non sia terminata, si possa tornare presto alla media di 60.000 unità di prestito generate annualmente dalla biblioteca: la Collodi, infatti, è sempre stata frequentata non solo dai residenti in Cassano Magnago, ma anche da numerosi cittadini dei comuni limitrofi.

Da oggi, poi, la fame di lettura potrà essere ulteriormente soddisfatta grazie alla disponibilità di 59 nuovi romanzi donati dalla Casa Editrice Newton Compton Editori, che ha aderito alla richiesta fatta dal consigliere comunale Andrea Pisani, da anni impegnato nel garantire alla Biblioteca cittadina nuove donazioni, sia da parte di singoli autori, che dalle case editrici di tutto il territorio nazionale.

Nel 2016, ad esempio, grazie all’interessamento del consigliere, giunsero alla Collodi 17 volumi appartenenti alla collana “Il sogno di Marco Polo”, editi da Think Tank Il Nodo di Gordio e realizzati in collaborazione con il Ministero degli Esteri, nell’ambito di un progetto che si proponeva di rinsaldare le relazioni diplomatiche, politiche ed economiche fra l’Italia e i Paesi del Mediterraneo e dell’Asia centrale. Grazie alla stessa metodologia operativa, l’anno seguente venne effettuata un’ulteriore donazione di volumi della medesima collana edita dal Think Tank.

I nuovi romanzi arrivati in questo sfortunato 2020 spaziano in tutti i principali temi che appassionano il grande pubblico dei lettori, partendo dalla storia antica per arrivare fino a quella contemporanea, con le toccanti storie delle donne che vivono in paesi martoriati dalla guerra come l’Afganistan. Non mancano anche titoli fantasy e coinvolgenti romanzi del filone romantico.
Nello specifico, gli utenti potranno ora chiedere in prestito undici volumi di storia antica, otto di storia moderna, tredici Rosa, uno di attualità, nove Gialli e undici fantasy.

«Sono molto soddisfatto per questa donazione da parte di Newton Compton Editori, casa editrice leader di mercato, che propone una variegata serie di argomenti letterari di autori indipendenti e affermati, volta a coprire la maggioranza degli interessi del pubblico di lettori» dice consigliere Andrea Pisani

Grazie alla collaborazione con la Dott.ssa Antonella Sarandrea, responsabile dell’ufficio stampa dell’azienda, i volumi sono arrivati in poche settimane per poter essere fruibili quanto prima dai Cassanesi e, grazie al prestito interbibliotecario, anche da tutti i Cittadini della Provincia di Varese.
«In un anno davvero anomalo che passerà alla storia per le difficoltà economiche e sociali causate dal Covid, questo gesto assume un valore ancora più importante per l’impatto positivo che ha e avrà anche in futuro nella nostra Città; i lettori avranno a disposizione nuove proposte letterarie grazie alla sensibilità sociale della Casa editrice che dimostra come la conoscenza e la cultura siano un volano per la crescita personale ed economico-sociale di tutta la nostra Nazione».

Il sindaco Nicola Poliseno aggiunge: «Ringrazio di cuore la Casa Editrice Newton Compton Editor per il gradito omaggio di libri e il consigliere comunale Andrea Pisani per aver pensato al nostro comune e ai suoi cittadini. Donare libri non è un semplice regalo ma è un investimento sul futuro, sulla cultura e sulla speranza di una città come la nostra che è legata alla lettura e alla ricerca del bello. I libri popoleranno la nostra preziosa biblioteca che all’anno effettua oltre 60 mila prestiti. Grazie di cuore».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 agosto 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore