Sedicenne picchiato da quattro ragazzi in pieno centro a Varese

È accaduto giovedì alle 4 e mezzo del pomeriggio. L'aggressione in Piazza San Vittore. La denuncia della mamma: "La gente ha visto ma nessuno lo ha aiutato"

piazza san vittore

Picchiato da quattro ragazzi in centro, alle quattro e mezzo del pomeriggio, tra la gente di passaggio in Piazza San Vittore a Varese. E’ accaduto giovedì 24 settembre a un ragazzo di 16 anni, pestato selvaggiamente senza un’apparente ragione.

«Mio figlio stava camminando con un’amica – racconta la donna, della quale non faremo il nome, per ragioni di privacy e per tutelare il figlio che è minorenne – quando è stato avvicinato da quattro ragazzi molto giovani che hanno cominciato a provocarlo. Gli hanno chiesto perché non li avesse salutati, ma lui nemmeno li conosceva. Dopo qualche parola, di punto in bianco, uno di questi lo ha preso per il collo e lo ha gettato a terra, e sono partiti calci e pugni. Lo hanno picchiato dove capitava, sul corpo e in faccia: gli hanno spaccato il setto nasale. Poi gli hanno portato via il portafogli con dieci euro e poco altro. Lo hanno lasciato a terra, dolorante. Quando si è rialzato per riprendersi il portafogli vuoto, lo hanno inseguito con un bastone e lui a quel punto è riuscito a scappare».

Un momento di pura follia in pieno centro città: «La cosa che ci fa più male – dice ancora la mamma – è che tutto è avvenuto in mezzo ad adulti che hanno visto ma non hanno fatto niente. Niente, nemmeno una telefonata al 112. Mio figlio ha chiamato me: l’ho raggiunto e portato in ospedale dove è stato medicato. Poi siamo andati a fare denuncia. L’amarezza è davvero tanta, conclude la donna. Non dico che qualcuno avrebbe dovuto fermare il pestaggio, ma cosa costava chiedere l’intervento delle forze dell’ordine? Come si fa a guardare un ragazzino picchiato da quattro coetanei e non fare niente?». Saranno queste le ferite più difficili da guarire.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 Settembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da carlo196

    Ma l’amica con cui stava camminando non è intervenuta, non dico per difenderlo ma almeno chiamare le forze dell’ordine, visto che in seguito non viene più citata? Questa amica sarà in grado di riconoscere gli aggressori o bisognerà ricorrere alle registrazioni delle telecamere della banca o altre presenti nella piazza?

  2. Franco Pezzimenti
    Scritto da Franco Pezzimenti

    Sotto ad ogni articolo tra i commenti mettete la scritta “scrivi qualcosa” e cosa dovrei scrivere? Dopo aver fatto vedere in tutta Italia che chi interviene per sedare una rissa viene ammazzato di botte e chi ti ha ammazzato diventa pure famoso e magari resterà impunito …cosa via aspettate che adesso la gente intervenga?

    1. Scritto da Claudio Poli

      Buongiorno.
      Nessuno ci chiede e ci ha mai chiesto d’essere degli eroi.
      Impressiona leggere che in centro città, in pieno giorno, possano accadere certe sgradevoli situazioni.
      Probabilmente, assistere a certe fatti, si ha timore ad intervenire, ma” diamine” per chiamare le forze dell’ordine non serve tanto coraggio e si possono salvare vite umane.
      Provi a mettersi per un secondo nei panni del mal capitato.

  3. Scritto da gokusayan

    Sempre peggio! purtroppo bisogna prendere a “calci in c…” i genitori di questi teppisti! ma dove sono e come li hanno cresciuti?, comunque speriamo vengano identificati e denunciati al tribunale dei minori!! le telecamere ci dovrebbero essere…

Segnala Errore