Un’escursione dal monte al lago per scoprire il territorio

Sette km a piedi su un nuovo sentiero che collega il sentiero n°10 del Parco Campo dei Fiori con la pista ciclabile del lago di Varese. È la proposta dell'associazione Amici del Campo dei fiori per domenica 25 maggio

Un’escursione su un nuovo sentiero che collega il sentiero n°10 del Parco Campo dei Fiori con la pista ciclabile del lago di Varese. È quello che propone l’associazione Amici del Campo dei fiori per domenica 25 maggio. 
Così spiegano l’iniziativa dal gruppo: «Il tracciato è stato da noi individuato e già proposto all’Ente Parco ed ai comuni interessati in una conferenza organizzata lo scorso anno presso la “Sala dei Papi” del Comune di Casciago ed ha riscosso un notevole interesse, così abbiamo deciso di organizzare una seconda escursione sul tracciato per domenica prossima Dato che la nostra Associazione si occupa ormai da un ventennio di sentieristica, sia con proposte all’Ente Parco che con la manutenzione fisica di alcuni sentieri tramite il lavoro materiale dei nostri volontari, ci è sembrato naturale proporre un tracciato che collegasse il lago con il monte, visto che il territorio del Parco è stato recentemente esteso sul territorio di Casciago e presto lo sarà anche sulle zone sud del territorio di Luvinate».

«Tutta la fascia a sud del massiccio del Campo dei Fiori è caratterizzata da un’urbanizzazione lineare da Varese a Gavirate molto diffusa ma con una bassa densità edilizia media, che lascia quindi ampi spazi ancora liberi, di grande valore ambientale e paesistico. Questi spazi, suddivisi purtroppo su vari Comuni, non sono stati minimamente pianificati né sufficientemente conosciuti, essendo stati finora considerati spazi di risulta rispetto a quelli costruiti, a disposizione per nuove urbanizzazioni – proseguono dall’associazione -. La formazione di un tracciato sentieristico ciclo-pedonale attraverso questi territori può costituire un elemento prima di tutto di conoscenza delle bellezze naturali e paesistiche occultate dall’urbanizzazione diffusa attorno alle strade carrozzabili, in secondo luogo sprona le Amministrazioni locali a dare un ruolo agli spazi non costruiti a valorizzarne le potenzialità, con ricadute sulla qualità della vita in generale e su alcune attività economiche connesse al tempo libero ed al turismo, che in parte già esistono (agriturismi, centri ippici, coltivazioni biologiche, ecc…) Ci si rende pure conto che percorrendo un territorio a piedi, anche se a non molta distanza da strade note e carrozzabili, cambia completamente la nostra percezione dell’ambiente in cui viviamo. Da Varese si può organizzare questa escursione anche senza l’uso dell’auto, infatti si può raggiungere Velate con mezzi pubblici, precorrere il primo tratto del sentiero 10, imboccare il nuovo sentiero nei pressi della località Zimbella, raggiungere Calcinate del Pesce e fare ritorno a Varese sempre con gli autobus urbani».

Ritrovo: alle ore 15,00 presso il parcheggio del sentiero n°10 in comune di Luvinate, via al Poggio.
Il tracciato, prevalentemente in discesa, è di circa 7 Km., si stima una durata di circa 2 ore. Per il ritorno provvederemo a riaccompagnare i partecipanti con nostre auto da Calcinate del Pesce.
Visto che ci sarà da guadare il torrente Tinella si consiglia di attrezzarsi con scarpe impermeabili o stivali. L’ escursione, sarà rinviata in caso di maltempo
Descrizione tracciato (già pubblicato): Il tracciato ha una lunghezza di circa 7 Km. ed un dislivello di cira 256 m., dalla quota 511 del sentiero 10, alla quota 255 della pista ciclabile, con una pendenza media del 2,8% ed una massima del 13,8%. Lo si può percorrere in circa 2 ore. Visto che il tracciato intercetta numerosi parcheggi, può essere percorso anche in tappe successive e risulta essere interconnesso con una rete di sentieri trasversali che verranno in seguito da noi evidenziati. 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 24 maggio 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore