Sottopasso della stazione come il wc. “Non ne possiamo più”

Sono numerose le segnalazioni del fastidioso episodio, in una stazione oltretutto appena rinnovata. Anche il Comune chiede l'intervento di RFI

La stazione di Cavaria e i guai agli ascensori (inserita in galleria)

Il sottopasso della stazione FS usato come wc: è la strana “abitudine” che sta creando più di un problema a Cavaria con Premezzo, come segnalato da diversi lettori.E rispetto a cui anche il Comune chiede un intervento di RFI, la società del gruppo FS che è responsabile per le stazioni.

L’ultima segnalazione di una lettrice è piuttosto dettagliata: «Una mia parente spesso mi racconta che quando torna dal lavoro sulle scale e nel sotto passaggio trova sempre “feci” di persone che credo si divertono  a fare queste cose. All’inizio non sapevo se crederci o meno, e pensavo che magari si fosse confusa e pensavo che forse si riferiva ai bisogni fatti di un cane (cosa comunque non perdonabile). Una sera tornando a casa scendo per attraversare il sottopassaggio alzo la testa e trovo metà soffitto sporco di feci. Questa sera, scendo dal treno delle 19.28 per poco non ci mettevo su i piedi». Analoghe le altre, più sintetiche segnalazioni ricevute: il sottopasso è spesso in condizioni indecorose.

Il problema è reso ancor più fastidioso dal fatto che il sottopasso è a volte privo di illuminazione (nonostante i – relativamente – recenti interventi di potenziamento e restyling della stazione). Come intervenire? L’idea più ovvia è pensare ad una telecamera di sorveglianza. Non è però facile: «Ma la zona è di competenza rfi (pulizia e manutenzione compresa) e di conseguenza l’amministrazione ben poco può intervenire» spiega l’assessore ai lavori pubblici del Comune, Stefano Bubola. Si ripete, insomma, la situazione già vista ad esempio in occasione del periodo di attivazione degli ascensori, di cui ci siamo occupati alcuni anni fa. E non è il solo caso, visto che il Comune ha più volte sollecitato l’intervento – ad esempio – di potatura della vegetazione lungo i binari. Bubola richiama comunque anche l’impegno del Comune per risolvere una parte delle difficoltà legate alla stazione:«Dieci giorni fa abbiamo sostituito tutti i lampioni, quindi non solo le lampade, sulla via Curioni, la strada che sale in stazione» continua l’assessore Bubola. «Il risultato è un viale ora ben illuminato con effetto amacord-romantico».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 03 dicembre 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Castegnatese ora Insu
    Scritto da Castegnatese ora Insu

    ma quel sottopasso non è nuovo? ed è già conciato così ??
    complimenti all’inciviltà delle persone ed all’incuria con cui Trenonrd, RFI e compagnia cantante lasciano i propri impianti.
    a questo punto sarebbe stato meno costoso e più controllabile un attraversamento a raso, controllato da piccole sbarre che si abbassano quando arriva il treno…all’estero se ne vedono parecchi ed anche in Alto Adige.
    ma si sa…da noi la soluzione migliore è sempre la più costosa

  2. Scritto da roxxana_roxxana

    Devo segnalare che anche nella stazione di Ternate-Varano Borghi – linea di Luino – succede spesso questa cosa deplorevole.
    Ancora stamattina sulle scale, nel bel mezzo, sono presenti feci (schiacciate) da tre giorni…

  3. Scritto da Felice

    Non esiste una telecamera di sorveglianza nel sottopasso della stazione? A maggior ragione in una realtà appena rimessa a nuovo.

    Comunque inquietante il concetto di imbrattare il pubblico o il nuovo con le proprie feci. Chissà che scimmie urlatrici hanno nel cervello queste “persone”. E già ho fatto un complimento definendole persone.

Segnala Errore