Da Coppa del Mondo a World Tour, il “Trofeo Binda” resta ai vertici

Nuovo format per il più importante circuito internazionale femminile. A Cittiglio si corre il 20 marzo, confermata anche la prova junior

Trofeo Binda 2014, trionfa Johansson (inserita in galleria)

Non chiamatela più “prova di Coppa del Mondo” ma la sostanza non cambia: il “Trofeo Alfredo Binda” di Cittiglio che quest’anno è in programma domenica 20 marzo sarà di nuovo inserito nel più importante circuito ciclistico internazionale femminile che da questa stagione si chiamerà World Tour, come avviene per il comparto maschile.

Resta quindi immutato il valore assoluto di quella che rimane la gara in linea più importante d’Italia, e che con la riforma voluta dall’UCI avrà per regolamento al via le migliori venti squadre al mondo del pedale in rosa: dalla britannica Wiggle (numero 1 del ranking) alle due potenze olandesi Raboliv e Boels fino alle italiane BePink e Alé Cipollini.

Il totale di formazioni al via però sarà di 25, con cinque wild card che verranno assegnate nelle prossime settimane e rese note il 20 febbraio, giorno della presentazione ufficiale di una corsa giunta alla 18a edizione con il suo format attuale. Non va però dimenticato che le gare femminili a Cittiglio risalgono agli anni Settanta quando era prassi correre il giorno di Pasquetta.

La Cyicling Sport Promotion di Mario Minervino ha anche confermato per il quarto anno la disputa del Trofeo Da Moreno, detto anche “Piccolo Trofeo Binda”: nelle ore precedenti alla gara Elite infatti saranno in gara le ragazze di categoria juniores internazionale, con cinque team stranieri presenti al nastro di partenza. Un’occasione importante, perché a quel livello sono rari i confronti al di fuori dei confini nazionali e in genere sono programmati in occasioni di alto livello quali Mondiali ed Europei.

«La nostra gara permetterà al movimento femminile delle più giovani di confrontarsi già a inizio stagione; un progetto lanciato quattro anni fa e che è molto apprezzato a livello internazionale». conferma Mario Minervino, patron della manifestazione che ha già abbondantemente acceso i motori anche in questo 2016.

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 27 gennaio 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore