Omicidio Lidia Macchi: Stefano Binda assolto in appello

Lo ha deciso la prima sezione della corte d’Assise d’appello di Milano presieduta da Ivana Caputo e a latere da Franca Anelli oltre ai sei giudici popolari

Stefano Binda libero

Stefano Binda  è stato assolto “per non aver commesso il fatto” nel procedimento dove era imputato  per l’omicidio di Lidia Macchi avvenuto la notte fra il 5 e il 6 gennaio 1987 a Cittiglio.

Galleria fotografica

Stefano Binda libero 4 di 6

Lo ha deciso la prima sezione della corte d’Assise d’appello di Milano presieduta da Ivana Caputo e a latere da Franca Anelli oltre ai sei giudici popolari.

Il dispositivo della sentenza è stato letto alle 19.10 di oggi, mercoledì 24 luglio.

In aula c’era Stefania Macchi, la sorella di Lidia: «Non me l’aspettavo – ha commentato, subito dopo la lettura della entenza – Mi aspettavo invece che la Corte valutasse in modo più attento la possibilità di nuove perizie grafologiche e merceologiche». Non era presente invece Paola Bettoni, la mamma di Lidia: «Le ho comunicato la sentenza per telefono», ha detto Stefania.

L’avvocato della famiglia Macchi, Daniele Pizzi, ha detto che valuterà insieme alla famiglia la possibilità di proporre ricorso in Cssazione.

Molto soddisfatti i difensori di Binda, gli avvocati Esposito e Martelli, così come amici e parenti di Stefano. Alla lettura della sentenza era presente la sorella Patrizia e diversi amici ndell’associazione Magre Sponde di Brebbia, in cui Binda era impegnato prima della sua carcerazione.

La commozione della sorella di Stefano Binda

Stefano Binda, dopo la sentenza, è stato portato nel carcere di Busto Arsizio per completare la pratica della sua scarcerazione. Già in serata è stato liberato e ha potuto fare ritorno a casa.

LIDIA MACCHI > Tutti gli articoli

 

di
Pubblicato il 24 luglio 2019
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Stefano Binda libero 4 di 6

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore