La Rondine, il concorso letterario si presenta

La terza edizione, dedicata ai giovani dai 9 ai 19anni ha come tema “Ti scrivo per chiederti scusa”. Giovedì l'ufficialità nella conferenza stampa

Avarie

Parte la terza edizione del Concorso legato al Premio letterario della Rondine “Ti scrivo questa lettera…” dedicato ai giovani dai 9 ai 19 anni.

Il Comitato Organizzatore del Premio Letterario che ha potuto concretizzare il sogno di tanti ragazzi di vedere riconosciuto il loro talento nella scrittura arriva alla sua terza edizione, dopo che molte lettere meritevoli hanno trovato la giusta collocazione nell’Antologia “Lettere a mio padre” che ha visto l’ampia partecipazione di concorrenti fra i più dotati che hanno onorato la passata edizione del nostro Concorso.
Quest’anno il tema riguarda una sfera più attinente ai sentimenti intimi, essendo rivolta non ad un destinatario fisso come l’amico o il padre delle scorse edizioni, ma a una persona alla quale fare le proprie scuse: “Ti scrivo per chiederti scusa” è infatti il titolo del nuovo concorso.

«Al di là dell’elargizione del corrispettivo economico che il premio ancora garantisce ai vincitori – dichiara Aleksandra Damnjanovic, presidente del Comitato e dell’Associazione Culturale di Cadegliano Viconago di cui esso è espressione – ci piace pensare di essere riusciti a creare sia nei partecipanti che nei sostenitori una condivisione degli scopi che il nostro sforzo organizzativo si prefigge, finalità che vanno ben oltre la mera donazione di un premio ad un soggetto meritevole, ma che vogliono cercare di sostenere e incentivare nei ragazzi la capacità di scrivere, trovando nella scrittura un canale espressivo e artistico, ma non solo… anche una forma di auto analisi, un aiuto a superare a volte veri blocchi psicologici, uscendo dal vincolo scolastico dello scrivere solo per la valutazione e il voto».

La validità del progetto va ben oltre la visibilità assicurata a premiati e sostenitori dalla cerimonia di Premiazione, momento finale e sicuramente gratificante per gli uni e per gli altri, ma attinge a meriti di carattere culturale e sociale, donando e restituendo a molti ragazzi la possibilità di emergere e manifestare il proprio talento.
Sono pensate in questa ottica tutte le iniziative messe in atto dal Concorso, a partire dal reclutamento delle giurie: sia quella tecnica, costituita da scrittori e insegnanti presieduta da Mauro della Porta Raffo, il noto saggista e giornalista , sia quella artistica il cui team è guidato da Daniele Piscopo che è anche autore del trofeo con la piuma d’oca e il volo di rondini che identifica materialmente il Premio, fino alle giurie Popolari che rappresentano tutte le fasce d’età, dagli adolescenti delle scuole medie fino agli anziani dei Centri diurni o delle Case di Riposo.

Uno sforzo che si concretizza nelle varie iniziative collegate al Premio a partire dal Concerto “La Rondine & Friends” che vede impegnati artisti della musica e della danza in uno spettacolo a tema natalizio nella seconda domenica di Dicembre, ai vari “Incontri alla fermata del Tram”, una sorta di caffè letterario o conferenza con dibattito per la presentazione di libri o per la discussione di temi emersi dalla lettura delle lettere in concorso. La Rondine continua la sua opera di diffusione della cultura con l’azione dei suoi volontari nei “Pomeriggi in Biblioteca”, dedicati alla lettura e alla promozione artistica dei più piccini.

Fra le attività legate al Premio spiccano i vari workshop o laboratori organizzati con artisti e scrittori nelle scuole partecipanti, in Italia e all’estero, scuole che aderiscono con entusiasmo all’ideale del concorso e che sono state ben 35 lo scorso anno, sparse per ogni regione della penisola, in Svizzera e Serbia. La presenza di molte prestigiose istituzioni fra i patrocinatori del premio vede in prima posizione la provincia di Varese che ospita nell’elegante cornice della Sala Neoclassica la conferenza di presentazione del Premio, il 12 ottobre alle 11.00, poi, via via, i Comuni di Varese, Lavena Ponte Tresa, Cadegliano Viconago, Marchirolo, Porto Ceresio, Il Comune di Croglio in Ticino, il Comune di Vozdovac a Belgrado in Serbia e altri Enti come la Fondazione Comunitaria del Varesotto-Onlus, le aziende come Econord spa, banca Mediolanum e Bennet spa, la Comunità Montana del Piambello, la famiglia Crivelli di Luino, l’Associazione culturale “NoCrimeOnlyArt” e l’Associazione “Non basta il pensiero- Onlus” che sostengono e incoraggiano l’opera della Rondine e ne condividono gli scopi.

«Un ringraziamento particolare ai nostri collaboratori: Max Dance di Barbara Menchiari, il Quintetto Galec, il duo Flhar Sisters, Bariton Art, i Guerrieri della Luce, IR Solution Studio di Claudio Rimoldi, l’Associazione Varese Può è l’Auto officina Piscopo che con lo spirito di volontariato aiutano il Premio letterario a crescere e di raggiungere i livelli sempre più alti da punto di vista organizzativo».
A partire dal 15 ottobre 2017 al 15 gennaio 2018 le lettere potranno essere spedite all’indirizzo della NUOVA POSTA di Lavena Ponte Tresa presso la quale esiste da tre anni la casella postale del Concorso e fino alla metà di aprile le giurie lavoreranno collegialmente e singolarmente per la determinazione della classifica per le varie categorie dai Rondinotti della scuola Primaria alle Rondinelle della media Inferiore fino alle Rondini degli Istituti Superiori; a maggio 2018 potremo finalmente scoprire quante e quali migliori lettere ‘per chiedere scusa’ avranno meritato i premi per il valore letterario, per merito artistico, per l‘originalità del contenuto e per la grafologia.

«Una caratteristica imprescindibile delle nostre lettere è che devono essere scritte a mano e, possibilmente, decorate e ornate nello stile più libero e personale possibile per onorare con la giusta importanza l’arte del bello scrivere e la MAIL ART che vogliamo promuovere con questa proposta. Le molte difficoltà non ci scoraggiano e annunciamo fin da ora che è possibile “adottare” un premio, che verrà intitolato al generoso donatore e che contribuirà in maniera sostanziale al successo della nostra iniziativa».

Tutto è pronto per cominciare insieme questo nuovo viaggio nell’universo giovanile, alla scoperta dei sentimenti, delle paure e degli slanci che la sensibilità dei ragazzi riversa nelle lettere, come abbiamo potuto constatare in passato, e che troppo spesso viene ignorata o misconosciuta dagli adulti, siano essi i genitori o gli insegnanti, ma che balzerà viva e vibrante dalle pagine inviate allo sconosciuto destinatario a cui chiederanno finalmente scusa.

Conferenza stampa per la presentazione ufficiale della terza edizione del Premio Letterario della Rondine “Ti scrivo questa lettera per chiederti scusa…” giovedì, 12 ottobre 2017 ore 11.00 Sala Neoclassica a Villa Recalcati, in Varese.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 10 ottobre 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore