Per crescere un figlio ci vuole un villaggio. Anzi quattro

Quattro Comuni hanno ideato insieme un percorso sulla relazione genitori-figli. Primo appuntamento con Alberto Pellai

Alberto Pellai

I ragazzi, i genitori, ma anche gli insegnanti e gli educatori. “Per crescere un figlio ci vuole un villaggio” è il titolo della rassegna di incontri educativi – a partire dal 6 novembre – proposti congiuntamente dai quattro Comuni di Besnate, Arsago, Casorate, Jerago con Orago.

«Un percorso – spiega Clementina Giudici, assessore all’istruzione – nato a partire dal tavolo territoriale costituito a Besnate da un paio d’anni a cui partecipano gli assessori, gli insegnanti dell’Istituto Toscanini, la parrocchia, l’oratorio, il comitato genitori, cooperative. A gennaio è emersa la necessità di offrire incontri formativi per i genitori: abbiamo proposto un questionario nelle scuole avanzando diverse proposte. La voce più apprezzata è emerso proprio il tema della relazione genitori-figli, in tutte le fasce di età».

I quattro Comuni si sono messi in rete perché condividono, in parte, le strutture educative, vale a dire l’Istituto Comprensivo Toscanini e la Comunità Pastorale.

Si parte lunedì 6 novembre al cinema Incontro a Besnate con la prima serata, con Alberto Pellai che introduce “L’educazione che fa bene”. Si proseguirà il 4 dicembre a Orago con un cineforum, la proiezione del film “Parental Guidance”, con introduzione e commento di Pellai e di Marco Parravicini. Martedì 16 gennaio si ripartirà ad Arsago Seprio (centro Concordia) con l’incontro con don Giovanni Fasoli, a partire dal titolo “Il fenomeno Rovazzi, una sfida alla scuola e alla famiglia”. Il 29 gennaio il ciclo si conclude a Casorate (in oratorio) con l’appuntamento con Giulia Provasoli e NaturArt.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 31 ottobre 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore