Insulti e minacce ai controllori: due mesi di reclusione

Soddisfatta l'azienda che però rassicura|: “Negli ultimi anni gli episodi di aggressione verbale o fisica nei confronti dei controllori sono in diminuzione“

Avarie

Arriva una nuova sentenza di condanna nei confronti di un soggetto che si è distinto per una forte aggressione verbale nei confronti di due verificatori delle Autolinee Varesine: al termine del processo, l’imputato – peraltro già noto in ambito giudiziario – è stato infatti condannato a due mesi di reclusione e al pagamento delle spese processuali.

La vicenda risale all’anno 2014, quando due controllori salirono a bordo di un autobus della linea
urbana E: nei pressi di via Sanvito Silvestro, il passeggero in questione esibì un abbonamento scaduto da diverse settimane e, alla richiesta di documenti per l’inevitabile sanzione, diede letteralmente in escandescenza, ricoprendo i due verificatori di irripetibili insulti e minacce verbali, oltretutto alla presenza di un ampio numero di utenti.

Venne così richiesto l’intervento delle Forze dell’Ordine, puntualmente avvenuto in prossimità del
centro: anche alla presenza degli agenti, il passeggero continuò nei suoi comportamenti offensivi e fu pertanto tradotto immediatamente in Questura per procedere con l’identificazione. Inevitabile dunque la denuncia da parte dell’azienda e, a distanza di cinque anni, ecco la sentenza di condanna.

Autolinee Varesine esprime piena soddisfazione per l’esito del procedimento giudiziario, che tutela una volta di più la figura dei verificatori/controllori: essendo incaricati di pubblico servizio, il rifiuto di esibire loro i documenti di identità comporta infatti l’automatico intervento delle Forze dell’Ordine, e al tempo stesso episodi di insulti e minacce verbali come questo vengono puntualmente perseguiti.

Fortunatamente, negli ultimi anni gli episodi di aggressione verbale o peggio ancora fisica nei confronti dei controllori sono in diminuzione: ciò è possibile da un lato grazie alla fondamentale collaborazione col Comune di Varese che ha portato alla presenza a bordo degli agenti di Polizia Locale (in borghese o in divisa), e dall’altro grazie ad un crescente numero di autobus dotati di moderni sistemi di videosorveglianza.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 22 maggio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da carlo196

    Se per un caso così semplice ci sono voluti 5 anni per arrivare a un verdetto mi chiedo se per un caso serio tipo un omicidio ce ne vogliono 20.

Segnala Errore