Multe per chi sfama i piccioni, gli animalisti spargono granaglie

Gli attivisti di 100% animalisti hanno svolto un blitz davanti al comune per protestare contro le multe previste per chi dà da mangiare ai piccioni

protesta piccioni saronno

Blitz questa mattina del gruppo 100%animalisti davanti al comune di Saronno. Il motivo è legato alle multe introdotte dall’amministrazione verso chi decidesse di sfamare i piccioni.

“Il sindaco Fagioli non perde occasione per dimostrare ai cittadini la sua insensibilità nei confronti degli Animali, questa volta i Piccioni -scrive l’associazione in una nota-. Il pretesto, mai confermato da dati e ricerche è sempre lo stesso, i Colombi sporcano e trasmettono malattie agli umani: cosa assolutamente falsa. In realtà contro questi animali (come contro nutrie, volpi, gazze, cornacchie, cinghiali…) vengono montate campagne di odio per giustificarne l’eliminazione, operazione dalla quale molti traggono guadagni, a cominciare dalle ditte specializzate, non a caso nell’ordinanza si invitano i cittadini ad organizzarsi anche nelle loro case con dissuasori e altri sistemi di stermino a loro spese ovviamente”.

Èd è contro il fatto che per i trasgressori sono previste multe da 50 a 250 euro che il movimento ha svolto il blitz: “Per far capire a Fagioli che Centopercentoanimalisti se ne infischia delle sue ordinanze, oggi, lunedì 12 agosto, alcuni Militanti del nostro Movimento si sono recati davanti all’ingresso del Municipio di Saronno ed hanno lanciato un messaggio alla giunta versando delle granaglie sopra un manifesto di liberazione Animale“.

Una mobilitazione che potrebbe essere solo all’inizio: “Fagioli si prepari e contatti Cacciari, ex Sindaco di Venezia. Da quelle parti si ricordano ancora il 2008, anno dove le nostre incursioni in piazza San Marco passarono alla storia a tal punto che ne parlò anche il Los Angeles Times“.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 agosto 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore