Tra i fili della Vago spa, dove “diamo colore alla vostra vita”

L'azienda ha aperto le sue porte in occasione del PMI Day con l'amministratore delegato Marino Vago a fare da guida ai ragazzi nel mondo della tintoria e nobilitazione

Tra i fili della Vago spa

Diamo colore alla vostra vita. Questo messaggio campeggia sui monitor della sala riunioni in un angolo della Vago spa, l’azienda di Busto Arsizio che lavora nel settore della tintoria e della nobilitazione dei filati. È lì che il patron dell’azienda, Marino Vago, ha incontrato i ragazzi della 3E delle scuole Crespi di Busto che hanno visitato lo stabilimento in occasione dei PMI Day.

Galleria fotografica

Tra i fili della Vago spa 4 di 18

Un viaggio che inizia nel piazzale dell’azienda, dove cotone, lino, viscosa e poliestere provenienti da tutto il mondo aspettano di partire per il loro viaggio in questo mondo di colori. Un percorso che in termini tecnici si chiama di “tintoria e nobilitazione” e che in pratica è fatto del lavoro di una quarantina di operai e un’infinità di caldaie, bancali, bilance e rocchetti. «Questo è un mestiere molto complicato fatto da hardware, software e soprattutto tanta competenza -spiega Vago- perchè il cotone che lavoriamo arriva da tutto il mondo ed è un qualcosa di vivo: ogni partita è diversa dalle altre e per raggiungere risultati eccellenti dobbiamo stare sempre molto attenti». Un lavoro che l’azienda fa per un centinaio di clienti per i quali la Vago sente una grande responsabilità: «se noi ci dovessimo fermare a tutti loro mancherebbe la materia prima per realizzare quello che fanno».

Ma davanti a quella giovane platea Marino Vago – che è anche Presidente di Sistema Moda Italia- ha alzato il tiro della discussione anche sui sempre più sentiti temi di sostenibilità e qualità. «È giusto sostenere l’ambiente ed evitare gli sprechi e noi qui lo facciamo sentendola sia come responsabilità ambientale ma anche perchè permette di risparmiare» ha detto prima di ricordare ai ragazzi che molto dipende anche da loro: «un capo di qualità costa un po’ di più ma dura molto di più; la sostenibilità passa anche dal non creare rifiuti, dal cercare di non cambiare una giacca ogni stagione».

TUTTI GLI ARTICOLI SUL PMI DAY

 

Il tessile riparte dal green: “Ma dev’essere davvero sostenibile, non solo marketing”

di marco.corso@varesenews.it
Pubblicato il 22 novembre 2019
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Tra i fili della Vago spa 4 di 18

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore