Nessun ticket sanitario per forze dell’ordini e vigili del fuoco

Ne dà notizia il consigliere regionale della Lega, Alessandro Corbetta, che aveva presentato una mozione regionale

ticket sanitario

«Dal 2020 gli agenti delle forze dell’ordine e dei vigili del fuoco che in servizio dovranno recarsi al Pronto Soccorso non dovranno più pagare il ticket né per quanto riguarda l’accesso né per le successive prestazioni».  Ne dà notizia il consigliere regionale della Lega, Alessandro Corbetta, che su questo argomento aveva presentato una mozione regionale, poi approvata lo scorso 2 luglio dall’aula del Pirellone.

«Il contenuto della mozione – spiega Corbetta – è stato recepito completamente nel collegato al Bilancio di Regione Lombardia, che verrà approvato la prossima settimana».

«La misura pone fine a una vera ingiustizia – prosegue Corbetta – a una reale disparità di trattamento tra i lavoratori che possono contare sulla copertura assicurativa INAIL e gli appartenenti alle forze dell’ordine o ai vigili del fuoco che devono invece pagare il ticket anche dopo un infortunio occorso in servizio».

«Il provvedimento – spiega il consigliere Corbetta – riguarda gli operatori delle Forze Armate, delle Forze di Polizia, del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco e della Polizia locale che vengono quindi esonerati dal pagamento del ticket del Pronto Soccorso, anche in caso di codice bianco, e dalle prestazioni correlate all’infortunio per un periodo massimo di un anno» .

«Con questa misura – conclude il consigliere del Carroccio – Regione Lombardia dimostra ancora una volta concretamente la propria vicinanza a coloro che ogni giorno sono impegnati a tutelare la sicurezza dei cittadini, rischiando spesso anche la propria vita e la propria salute».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 dicembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore