Varese News

museo maga

Il Museo arte Gallarate, noto come Maga, è nato nel 1966 con il nome di Civica Galleria d’Arte Moderna di Gallarate e si è ampliato in seguito alle acquisizioni del Premio Nazionale Arti Visive Città di Gallarate a partire dalla sua prima edizione nel 1950.

Il Museo Maga oggi conserva più di 5.000 opere tra dipinti, sculture, installazioni, libri d’artista, fotografie, oggetti di design e opere di grafica che offrono ai visitatori un ricco e articolato panorama dei principali orientamenti artistici dalla metà del Novecento ai giorni nostri, con aperture sulle ricerche contemporanee internazionali.

Nel dicembre del 2009, il Comune di Gallarate costituisce la Fondazione “Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea Silvio Zanella” che ha come soci fondatori il Comune stesso e il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e Regione Lombardia, partner istituzionale Provincia di Varese. A seguito di questa svolta istituzionale, nel marzo del 2010, il Museo acquisisce il nome MAGA – Museo d’Arte Gallarate e inaugura la nuova e più prestigiosa sede museale in via De Magri, un complesso architettonico di 5.000 metri quadri.

Il 14 febbraio 2013 il museo venne colpito da un grave incendio, che danneggiò gravemente la struttura ma non lesionò le opere d’arte. Gli spazi del Maga furono riaperti il 19 aprile in occasione della mostra MISSONI, L’ARTE IL COLORE, evento dedicato alla storia della casa di moda e al dialogo tra l’opera di Ottavio Missoni e la scena artistica italiana del XX Secolo.

Aziende

Notizie sponsorizzate

Opinioni

Editoriale

Perché no?

«È disarmante rilevare che gli indagati abbiano uno scarsissimo senso della legalità» afferma il sostituto procuratore. Sono tempi di malaffare in cui tutto si può fare e sul “perché no!” sembra trionfare il “perché no?”

Andrea Cassani Isabella Peroni museo maga

Gallarate

Più costo o più opportunità? Si torna a discutere del Maga

È un dubbio, per così dire, che attraversa la maggioranza di centrodestra. Cassani critico: “Manca la domanda, più dipendenti che visitatori”. L’assessore Peroni difende il museo “volano di sviluppo e crescita”: “Non si può pensare solo alle asfaltature”. Al 23 marzo aprono tre mostre

Arte - Mostre

Venezia

Il Maga protagonista alla Biennale di Venezia

Emma Zanella e Alessandro Castiglioni cureranno il Padiglione di San Marino a fronte della collaborazione già in essere con la Galleria Nazionale di San Marino. L’artista selezionata è Martina Conti