A Villa Mylius arriva il Parco Gioia, davvero inclusivo

Parte la raccolta fondi per la nuova area giochi nata dall'idea due mamme di Asbi e cresciuta in collaborazione con Aila e Kiwanis con l'obiettivo di permettere a tutti i bambini di giocare assieme, in piena autonomia

parco gioia varese

Quattro isole esagonali, tanti giochi un solo obiettivo: regalare a Varese il suo primo parco giochi davvero inclusivo, dove normodotati e disabili, bambini ed adulti possano giocare in autonomia, tutti insieme.
È il “Parco Gioia” di Villa Mylius, nato dall’idea di due mamme Anita Romeo ed Emanuela Solimeno e la collaborazione di enti ed associazioni che martedì 26 febbraio hanno presentato pubblicamente a Palazzo Estense l’idea e il percorso per realizzarla, con il sostegno di tutti, grazie alla campagna di raccolta fondi lanciata da Asbi (Associazione spina bifida Italia). “Perché il contributo dei cittadini nel progettare e prendersi cura del Bene comune assieme all’amministrazione è una risorsa fondamentale per la città”, spiega l’assessore all’ambiente Dino De Simone raccontando il percorso di oltre un anno necessario a confezionare il progetto.

Galleria fotografica

parco gioia varese 4 di 8

DOVE
Il parco è nel cuore della città, nella centralissima Villa Mylius, che lo accoglierà nel prato pianeggiante che si trova a destra dell’ingresso di via Veronesi (lato viale Aguggiari), tra la rete di pallavolo e il filare di alberi (che sarà ripiantumato a giorni) e cui sarà collegato da un piccolo sentiero pedonale in terra battuta. “Si tratta dell’area che il Pgt della passata amministrazione aveva destinato a parcheggio”, ricorda l’assessore alla politiche sociali Roberto Molinari, rimarcando con orgoglio la differenza.

IL PARCO GIOIA
Si tratta di un parco modulare, su quattro isole indipendenti, caratterizzate ciascuna da un tema diverso.
Isola dell’amicizia: è il cuore del parco con un grande gioco centrale dotato di rampa, pannelli sensoriali, scivoli e diverse salite, “anche adrenaliniche, perché ogni bambino deve poter giocare secondo le proprie attitudini e necessità accanto agli altri”, spiega Roberta Mo di Giochisport, società leader nel campo dei giochi da esterno inclusivi, attenta alla qualità e all’ecosostenibilità dei materiali (ad esempio i tappetini antiurto sono realizzati utilizzando lo scarto della tomaia delle Nike). Accanto a questo gioco una piccola cupola, in cui nascondersi, o su cui arrampicarsi, proposta da Kiwanis perché particolarmente adatta a far sentire a far sentire a proprio agio bimbi con disturbi dello spettro autistico.
Isola del movimento: con tre altalene, tutte diverse. Quella classica, quella doppia e, al centro, quella con seduta sagomata, adatta alle disabilità fisiche.
Isola della musica: con veri strumenti musicali con cui creare un piccolo complesso
Isola della compagnia: con la casetta e area mercato accessibili anche alle carrozzine.
Il tutto arricchito da percorsi tattiloplantari per ipovedenti e non vedenti, come suggerito dall’associazione Aila di Ada Orsatti.

L’IDEA

Parco inclusivo mylius - parco Gioia

“Ho tre bimbi, la più piccola con disabilità, e portarla al parco con i suoi fratelli è un problema perché anche dove troviamo il gioco inclusivo magari per arrivarci bisogna superare cordoli o percorsi in ghiaia che per noi sono vere e proprie barriere”, racconta Anita Romeo che tramite Asbi ha conosciuto Emanula, con un percorso simile al suo. “La prima volta che abbiamo visitato un parco inclusivo mio figlio aveva 4 anni e poter salire sui giochi da solo è stata la sua più grande soddisfazione”, racconta Emanuela che a Malnate qualche anno fa ha lanciato una campagna di crowdfounding per realizzare il parco inclusivo di piazza delle Tessitrici. L’obiettivo è riproporre lo stesso percorso virtuoso a Varese: realizzare un vero parco inclusivo dove non solo i bambini potranno divertirsi, ma anche i genitori, normodotati e non, avranno momenti di svago e di condivisione. “Ma ci serve l’aiuto di tutti”.

LA RACCOLTA FONDI
Per contribuire alla realizzazione del Parco Gioia Varese:
Conto corrente Asbi IBAN: IT56 K076 0102 4000 0000 0777 417
Causale: Parco Gioia Varese
L’obiettivo è raccogliere 200 mila euro.
Per rimanere aggiornati su eventi e raccolta fondi consultare la pagina Fb Parco Gioia e sul sito di Asbi.

di
Pubblicato il 26 febbraio 2019
Leggi i commenti

Galleria fotografica

parco gioia varese 4 di 8

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore