Varese News

Ente Bilaterale del Terziario

L’Ente bilaterale del Terziario è costituito da Confcommercio UNIASCOM Varese, Fisascat-Cisl, Filcams-Cgil e Uiltucs-Uil e si rivolge a tutte le imprese e i lavoratori del Commercio e dei Servizi che operano nell’ambito territoriale della provincia di Varese e che applicano il Contratto Collettivo di settore. Fornisce servizi e realizza attività a favore degli imprenditori e dei lavoratori dipendenti del terziario con lo scopo di tutelarne e salvaguardarne le esigenze, contemperando e conciliando i rispettivi interessi.

Favorisce il dialogo fra le parti sociali, elemento essenziale per lo sviluppo delle aziende, promuove e gestisce corsi di formazione e riqualificazione professionale affinché i lavoratori possano accrescere le proprie competenze, predispone progetti formativi per le nuove figure professionali richieste dal mercato e dalle aziende, facilita i contatti fra domanda e offerta di lavoro, raccoglie dati e realizza l’Osservatorio economico sul mondo del lavoro, segue le pratiche di assunzione dei giovani mediante l’utilizzo dei contratti di apprendistato, tempo determinato e part-time “week-end”, rendendone altresì più agevole l’applicazione.

L’Ente Bilaterale è competente in materia di orario di lavoro (flessibilità), lavoro ripartito (job sharing), alternanza e tirocini formativi; inoltre attraverso l’Organismo Paritetico per la Sicurezza si occupa della sicurezza, formando i lavoratori e informando gli imprenditori sulle normative più recenti e facilitando l’applicazione delle normative di settore, organizza interventi a sostegno delle aziende ed eroga sussidi e provvidenze economiche ai lavoratori sotto forma di contributi.

L’Ente Bilaterale è privato e senza fine di lucro, si finanzia con contributi periodici versati in parte dalle aziende ed in parte dai lavoratori dipendenti.

Aziende

Notizie sponsorizzate

Opinioni

Editoriale

Il ritorno dei giovani

Oltre 1300 persone nei sette confronti elettorali con Varesenews. Un risultato notevole che conferma l’attenzione alla vita delle comunità. In tutte le serate il pubblico era molto eterogeneo con molti giovani presenti